Elettricisti a Roma: cosa fa un elettricista? Ecco i compiti di questa indispensabile figura professionale

Se si è alla ricerca di elettricisti a Roma, probabilmente ci si trova in un bel guaio, o quasi. Infatti forse nella vita di tutti i giorni non ci si fa troppo caso, perché ormai siamo abituati a utilizzarla, ma l’elettricità è davvero alla base di tutto o quasi quello che facciamo quotidianamente.

La TV, le consolle da gioco, i caricabatterie di cellulari, tablet e computer, e più semplicemente la luce stessa che illumina le nostre case: tutte queste cosa non potrebbero esistere senza elettricità. Quando c’è un guasto, un qualsiasi problema, ci si sente perciò spaesati, e si ricorre il prima possibile ad un elettricista.

Questa è perciò considerata una figura professionale indispensabile nella nostra società, ma il suo compito non è soltanto quello di riparare eventuali danni e guasti a impianti elettrici. L’elettricista infatti si occupa anche di installare impianti elettrici, sia civili che industriali, e di occuparsi della loro periodica manutenzione.

Gli impianti che egli installa vanno ovviamente allacciati a quella che è la rete di distribuzione di energia elettrica. Oltre a fare ciò l’elettricista progetta anche gli impianti elettrici che andrà a installare e si occupa di illuminazione sia di interni che di esterni, ma anche di sistemi di allarme per le abitazioni ma anche per aziende, spazi pubblici, fabbriche ecc. Ha anche il compito di garantire che tutto sia a norma di legge e sicuro.

Vediamo  nello specifico quali sono le mansioni di questa figura professionale e successivamente anche cosa è necessario fare per diventare elettricista.

Le mansioni principali di un elettricista

Siamo abituati a chiamare un elettricista ogni volta che qualcosa non va con i nostri impianti e dispositivi elettrici, ma i suoi compiti vanno ben oltre questo:

  • Un elettricista competente e non improvvisato è in grado di progettare un interno impianto elettrico e di pianificarne il layout.
  • Sa come leggere e interpretare uno schema elettrico.
  • Installa e ripara gli impianti elettrici e si occupa della loro manutenzione.
  • Ripara e installa apparecchi e sistemi elettrici.
  • Può individuare e diagnosticare con precisione eventuali malfunzionamenti, guasti o danni agli impianti e ai dispositivi elettrici.
  • Collauda impianti elettrici e certifica il loro essere a norma di legge.

Ovviamente, come in quasi tutte le professioni, un elettricista può avere una data specializzazione diversa da un altro suo collega, e operare quindi in settori differenti.          C’è chi magari è più esperto di impianti televisivi e di tutto ciò che può riguarda un’abitazione, quindi altri elettrodomestici, automazione di cancelli, tapparelle, porte e finestre; e c’è chi invece è più impegnato nel settore industriale e civile, occupandosi di impianti di illuminazione delle strade, di telecamere di videosorveglianza, di automazione di macchine industriali ecc.

Un elettricista può avere la propria attività indipendente o può essere al servizio di aziende in cui è affiancato da altri professionisti, come ad esempio impiantisti, cablatori e quadristi. Può inoltre essere dipendente di aziende di climatizzazione, e qui sarà affiancato da un’altra figura professionale molto importante, ovvero l’idraulico.

Cosa fare per diventare elettricista e quanto costa chiamarne uno a Roma

Se si vuole diventare elettricista si devono possedere delle buone capacità manuali di base, e poi si deve conseguire un diploma come perito elettrico o perito elettronico. Ci sono poi anche dei corsi di formazione per elettricisti, in cui viene insegnato tutto ciò che è necessario a questa figura professionale.

I costi variano ovviamente a seconda del lavoro che un elettricista deve svolgere. In media, in Italia, siamo tra i 25 e i 40 euro all’ora, e nel caso specifico di Roma vediamo che il costo orario di un elettricista è di 30-35 euro all’ora.